↓↓↓ Video ↓↓↓

 

L'insegnante viene a casa (1978), Film Completo, Lino Banfi, Edwige Fenech, Alvaro Vitali, G. Barra.

Воспроизведение вашего видео начнется через 40

↓↓↓ Video ↓↓↓

 

3 Просмотры

Iscriviti al canale per non perderti nuovi Film e video!!!! https://www.youtube.com/channel/UCI04i5AUaD01un23gs9KXAw https://www.youtube.com/c/MarcoFa...

Дата загрузки:2021-05-12T21:10:08+0000

↓↓↓ Video ↓↓↓

 

Издатель
Iscriviti al canale per non perderti nuovi Film e video!!!!
https://www.youtube.com/channel/UCI04i5AUaD01un23gs9KXAw
https://www.youtube.com/c/MarcoFaddakika
Grazie per l'iscrizione!!!!

L'insegnante viene a casa è un film del 1978 diretto da Michele Massimo Tarantini.

Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1978
Durata 90 min
Genere commedia, erotico
Regia Michele Massimo Tarantini
Musiche Franco Campanino

Trama
Luisa De Dominicis, un'attraente e giovane insegnante di pianoforte italiana, prende in affitto un appartamento a Lucca per stare più vicina al suo fidanzato, l'assessore Ferdinando Bonci Marinotti; l'uomo, più anziano di lei, è però già sposato con un'altra. Luisa, all'oscuro di ciò, non vede l'ora di convolare a nozze con Ferdinando, e per questo lo cerca sempre con insistenza. Ferdinando, essendo in politica, vuole evitare uno scandalo e un eventuale divorzio da sua moglie, quindi illude Luisa con promesse che poi non può mantenere.
Per di più, nel condominio dove alloggia Luisa vivono diversi uomini e giovanotti che, colpiti dalla disinibita avvenenza della donna, la scambiano erroneamente per una prostituta e tentano con vari pretesti e sotterfugi d'introdursi in casa sua e approfittarsene. L'unico che riesce a distrarla da Ferdinando è Marcello, il figlio del dottor Busatti. Alla fine, Luisa s'innamora di Marcello, perché capisce che tra loro non c'è solo attrazione fisica.

Interpreti e personaggi
Edwige Fenech: Luisa De Dominicis
Renzo Montagnani: Ferdinando Bonci Marinotti
Alvaro Vitali: Ottavio
Marco Gelardini: Marcello Busatti
Carlo Sposito: colonnello Marullo
Dino Emanuelli: colonnello Pesce
Gisella Sofio: Teresa Busatti
Lucio Montanaro: Roberto Marullo
Clara Colosimo: moglie del colonnello Marullo
Jacques Stany: collega di Ferdinando
Gianfranco Barra: dottor Busatti
Lino Banfi: portinaio Amedeo
Ria De Simone: signora Bonci Marinotti
Mirella Baiocco: figlia del colonnello Marullo
Milly Corinaldi: moglie del collega di Ferdinando
Adriana Facchetti: cameriera di casa Busatti
Alessandra Vazzoler: moglie di Amedeo
Jimmy il Fenomeno: paziente del dottor Busatti
Alfredo Adami: il marito romantico

Doppiatori italiani
Maria Pia Di Meo: Luisa De Dominicis
Roberto Chevalier: Marcello
Piero Tiberi: Roberto Marullo
Manlio De Angelis: colonnello Pesce
Vinicio Sofia: traslocatore
Gianni Marzocchi: collega di Ferdinando

Film con
Carletto Sposìto, vero nome Carlo (Palermo, 1º maggio 1924 – Roma, 8 settembre 1984), è stato un attore italiano.

Fratello dell'autore teatrale Raffaele Sposito in arte Faele, fu caratterista poliedrico, a volte anche drammatico. La sua carriera artistica si è svolta in ogni campo dello spettacolo: dalla rivista, alla prosa, al cinema, alla televisione, alla radio e al cabaret.
È morto l'8 settembre 1984 a 60 anni.
Iniziò nel 1942 con la rivista, lavorando con Wanda Osiris e Carlo Dapporto. A Radio Palermo, una delle prime trasmissioni RAI, nel 1945, creò una trasmissione radiofonica di grande successo, Il Calabrone fino al 1948. Nel 1960 e per tre anni fece cabaret all'ex teatro Arlecchino di Roma, oggi teatro Flaiano, con Toni Ucci ed Enzo Garinei.
Nel 1961 ricevette il premio della Maschera d'argento per il teatro, per la sua partecipazione alla commedia musicale "Delia Scala Show", di Pietro Garinei e Sandro Giovannini, con testi di Antonio Amurri, di Faele e di Dino Verde.
Partecipò a vari spettacoli teatrali di rivista con Erminio Macario e Raffaella Carrà (Non sparate al reverendo e I Rompiglioni). Lavorò inoltre per il Bagaglino e al Cabaret Sancarlino di Roma con Lino Banfi per oltre due anni.
Recitò anche nel teatro di prosa, sia all'ex teatro Arlecchino di Roma, con una serie di atti unici per la regia di Sergio Sollima, sia presso il teatro stabile di Catania con Turi Ferro.
Nella televisione partecipò a Canzonissima del 1961 con Sandra Mondaini, Giovanna, la nonna del Corsaro Nero nel 1962 con Anna Campori, Giulio Marchetti e Pietro De Vico e recitò in opere teatrali tele-trasmesse (Questo matrimonio si deve fare di Vitaliano Brancati e Domanda di grazia di Edmo Fenoglio) e nello sceneggiato Bambole di Alberto Negrin.
In ambito cinematografico, ebbe parti rilevanti in un centinaio di film e fu anche apprezzato doppiatore (La terra trema di Luchino Visconti, Il padrino e Il padrino - Parte II).
Категория
Эротика
Комментарии выключены